“Il paesaggio terrazzato dei muri in pietra a secco, patrimonio culturale immateriale dell’umanità”

 

Domenica 22 Settembre presso la sede rapallese dell’ANMIG (causa indisponibilità del teatro delle Clarisse per via dell’allerta meteo arancione) si è svolta la cerimonia di premiazione della terza edizione del Concorso Fotografico Città di Rapallo organizzato dal Gruppo Fotografico “Dietro a un Vetro”-Volontari del Soccorso Sant’Anna con il patrocinio del Comune di Rapallo. Presenti in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, Il Sindaco Carlo Bagnasco, il vice Sindaco Pier Giorgio Brigati e la consigliera Elisabetta Ricci.

 

Il tema  “Il paesaggio terrazzato dei muri in pietra a secco, patrimonio culturale immateriale dell’Umanità” non era tra i più semplici da sviluppare, pur tuttavia numerosi concorrenti provenienti da tutta Italia hanno aderito all’iniziativa. Le “fasce” rigogliose di viti che si rincorrono, il mare blu sullo sfondo a fare da perfetta cornice, la magia della neve che avvolge i terrazzamenti sulle colline, la presenza umana che testimonia il duro lavoro, case e muretti in pietra che fanno capolino tra la vegetazione, in un perfetto connubio tra natura e manufatti che profumano di storia, sono stati elementi che hanno ispirato le fotografie iscritte al concorso.

 

La giuria, presieduta dalla dott.ssa Elisabetta Ricci coadiuvata dal membro esperto in materia paesistico-ambientale Arch. Alessandra Rotta nonché da Anna Maria Traversaro, Massimo Di Mauro, Ettore Tubino, Cristiano Pugno e Germano Canessa (membri del Gruppo Fotografico Dietroaunvetro), dopo un’attenta valutazione ha effettuato una selezione di 30 scatti che sono stati esposti in mostra e decretato le opere vincitrici.

 

Questa la classifica :

  • 1° premio (targa e 500€) a Marco Zurla (AG) con “Molini di Triora”; 
  • 2° premio (targa e 300€) a  Mario Costa (GE) con “Castagneto Terrazzato”;
  • 3°premio ex aequo  (targa e 100€)

                                 Dario Riva (LC) con “Snow in the vineyard 3”;

                                 Alina Bertolone (GE) con “Terrazze coltivate”;

  • Menzione Speciale (targa e 100€) a Cecilia Mosconi (MI) con “Verso il frantoio”;

 

La premiazione è stata preceduta dall’interessante e partecipata conferenza tenuta dall’Arch. Alessandra Rotta.

I muri a secco sono parte integrante del paesaggio rurale e fanno parte di una cultura materiale e immateriale estesa risalente  a tempi molto antichi che è stata riconosciuta a novembre 2018 dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Ogni muro è espressione del luogo in cui nasce e delle tecniche costruttive locali; i terrazzamenti che nascono per rendere coltivabili le montagne sono a tal punto parte integrante dell’ambiente e ne diventano un segno distintivo universalmente conosciuto. Si legge nella motivazione dell’Unesco:

“Le strutture a secco sono sempre fatte in perfetta armonia con l’ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l’uomo e la natura. La pratica viene trasmessa principalmente attraverso l’applicazione pratica adattata alle particolari condizioni di ogni luogo”


Foto Vincitrici:

1° premio “Molini di Triora”, Marco Zurla (AG)

2° premio ” Castagneto terrazzato”, Mario Costa (GE)

3° premio ex aequo ” Snow in the vineyard 3”, Dario Riva (LC)

3° premio ex aequo “terrazze coltivate” , Alina Bertolone (GE)

Menzione Speciale “Verso il frantoio”,  Cecilia Mosconi (MI)

Contestualmente al 3° Concorso Nazionale si è svolta la 5^ edizione del “Memorial Dino Gnecco”, evento dedicato al compianto Dino Gnecco, da sempre anima, coordinatore e memoria storica di San Michele e componente del Comitato dei Sestieri rapallesi. I membri del  Gruppo Fotografico DietroAUnVetro, (che in quanto organizzatori non  partecipano al Concorso Fotografico), ricordano l’amico scomparso esponendo i loro scatti, aderenti al medesimo tema del concorso stesso. In questo caso una giuria popolare di 250 visitatori/votanti ha decretato il podio così composto: 

  • primo classificato  Ettore Tubino; 
  • secondo classificato Mauro Mele
  • terzo classificato Anna Traversaro

 A premiare il podio del memorial, i familiari di Dino Gnecco: la moglie Cecilia e il figlio Davide. 

1° Classificato V Memorial Dino Gnecco – Ettore Tubino

2° Classificato V Memorial Dino Gnecco –  Mauro Mele

3° Classificato V Memorial Dino Gnecco – Anna Traversaro

Condividi