Pietro Valle, del Fotoclub Immagine di Santa Margherita Ligure, si è aggiudicato il primo premio dell’edizione numero uno del concorso Rapallo Photo Contest, il concorso fotografico, organizzato sotto le insegne della ProLoco Terraemare, sul tema Creuze, caruggi e risseu e aperto agli amanti della fotografia appartenenti ai fotoclub della Liguria.

Pietro Valle riceve il premio dal presidente della Proloco Terraemare, Pietro Burzi

Al secondo posto, la giuria della ProLoco ha premiato Massimo Ardito, anche lui componente del sodalizio sammargheritese. Terza classificata Alba Amicarelli del DLF di Chiavari, quarto Maurizio Ardito, quinto posto per Simonetta Demuro.

Massimo Ardito, 2° classificato, mentre riceve il premio da Massimo di Mauro
Giuseppe Faenza, del DFL di Chiavari, ritira il premio destinato ad Alba Amicarelli (3° classificata) dalle mani del presidente dell’Accademia Culturale di Rapallo, Giorgio Karalis
Maurizio Ardito, 4° classificato
Simonetta Demuro, 5° posto in classifica
Alessandro Saettone, 5° classificato

La menzione speciale della giuria è andata allo scatto proposto da Alessandro Saettone, anche lui membro del Fotoclub Immagine di Santa Margherita Ligure.

Altri premi sono andati ai gruppi fotografici che hanno espresso il maggior numero di adesioni – Fotoclub Immagine di Santa Margherita Ligure e DLF Chiavari – al partecipante più giovane e a quello più anziano – rispettivamente Carroli Paola e Ernesto Cattoni. Una riconoscimento è andato anche al gruppo Sei di Rapallo se… che ha partecipato (numerosa la presenza, anche quest’oggi alla premiazione svoltasi presso il Teatro della Clarisse di Rapallo) a questa iniziativa.

Carroli Paola e Ernesto Cattoni premiati dal consigliere comunale Mauro Mele e da Massimo di Mauro
Il gruppo Sei di Rapallo se …

Il tema Creuze, caruggi e risseu è stato ripreso, nella mattinata, dall’architetto Alessandra Rotta nel corso di una conferenza molto interessante. Dalle immagini e dall’etimo delle parole, Rotta ha ripreso la storia di creuze, caruggi e risseu, le loro tecniche costruttive la cui valenza, oggi, resta inalterata. Diversi gli intrecci emersi tra la decisiva funzione di creuze e i caruggi e la vita economica delle comunità liguri, attualissimi i cenni – che meriterebbero di essere approfonditi e non solo in termini divulgativi –  relativi al rapporto tra le raffinate tecniche di costruzione ed il territorio su cui, queste opere, sono state edificate.

Fotografie sono di Rosa Maria Gariti, Alessandro Peirano, Germano Canessa

Condividi